22
lug

SI ALZA IL SIPARIO SUL 72° OPEN D’ITALIA PRESENTED BY DAMIANI

Le novità del torneo svelate al Golf Club Milano

Il Presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni: “L’Open d’Italia è un evento di grande importanza per Milano e la Regione Lombardia, che valorizzerà ulteriormente il Parco di Monza”

Monza, 22 luglio 2015 – Primo atto ufficiale per Il 72° Open d’Italia presented by Damiani, le cui novità sono state illustrate al Golf Club Milano davanti a una nutrita platea di giornalisti e di addetti ai lavori. L’evento, alla presenza di Roberto Maroni, Presidente della Regione Lombardia, del Sindaco di Monza Roberto Scanagatti e del Presidente del Coni Lombardia Oreste Perri, è stato aperto dal saluto di Armando Borghi, Presidente del Golf Club Milano e di Antonio Bozzi, Vice Presidente della Federazione Italiana Golf. Le peculiarità della manifestazione sono state poi presentate da Alessandro Rogato e Barbara Zonchello, rispettivamente Presidente e Direttore del Comitato Organizzatore Open Professionistici di golf della FIG.

Roberto Maroni, ha sottolineato come il Parco di Monza, che ospita il Gran Premio di Formula Uno e quest’anno è anche a sede istituzionale dell’Expo 2015, rivesta un ruolo di assoluta centralità per la Lombardia: “La Regione ha deciso di sostenere l’Open d’Italia, vista la sua importanza nel panorama delle manifestazioni sportive internazionali. Nella settimana del torneo il Parco di Monza sarà al centro del mondo sportivo, proponendosi come polo attrattivo per tutta la Lombardia” .

Armando Borghi ha tenuto a ringraziare la Federazione Italiana Golf per aver scelto il Golf Club Milano come sede dell’Open d’Italia. “Siamo onorati di ospitare il torneo golfistico nazionale più importante. E’ un progetto a cui stiamo lavorando da tempo e siamo convinti che sarà un evento che lascerà tutti soddisfatti”.

Antonio Bozzi ha ringraziato la Regione Lombardia per il supporto e gli sponsor che hanno deciso di investire nella massima competizione di golf in Italia. “Si giocherà in un circolo storico, uno dei più belli del panorama nazionale. Sarà un torneo che rappresenterà tutto il Paese”.

Infine Roberto Scanagatti: “Per Monza l’Open d’Italia è un ulteriore elemento di valorizzazione del territorio. Da parte dell’Amministrazione Comunale, c’è la massima disponibilità per rendere questo avvenimento sportivo, di per sé prestigioso, ancora più importante”.

Anche quest’anno l’Open d’Italia e l’Italian Pro Tour si sono legati a un progetto benefico, grazie all’accordo con il Comitato Maria Letizia Verga, rappresentato al Golf Club Milano da Fabio Binelli, Direttore Generale della Fondazione “Monza e Brianza per il bambino e la sua mamma”.

L’incontro con la stampa è stato preceduto da una gara, che ha visto scendere in campo giornalisti, rappresentanti degli sponsor e addetti ai lavori.

 

Damiani, azienda leader nel mercato italiano nella produzione e nella commercializzazione di gioielli di alta gamma, sarà per il secondo anno consecutivo Presenting Sponsor del torneo, che si svolgerà da giovedì 17 settembre a domenica 20, preceduto dalla Rolex Pro Am mercoledì 16 settembre.

“Avere per il secondo anno consecutivo quale Presenting Sponsor un’azienda di così alto profilo e di lunga tradizione come Damiani – ha commentato Franco Chimenti, presidente di CONI Servizi e della FIG – è un valore aggiunto per la manifestazione e gratifica il lavoro della Federazione Italiana Golf e del Comitato Organizzatore. È anche un’ulteriore riprova della qualità del progetto Open, che stiamo portando avanti da anni insieme all’European Tour. Damiani e il pool di prestigiose società sostenitrici del torneo, unitamente a un field che si annuncia di assoluto rilievo, offrono un contributo rilevante perché l’Open d’Italia sia sempre di più una manifestazione di grande impatto internazionale”.

 

 

 

 

Open e Ryder Cup 2022 – La gara anticiperà di alcuni giorni le decisione della Ryder Cup Europe, che dovrà scegliere la nazione organizzatrice della Ryder Cup 2022, dove l’Italia è in corsa per l’assegnazione insieme ad Austria, Germania e Spagna.

Al riguardo, Chiara Geronzi, Responsabile della Comunicazione FIG per la Ryder Cup, ha ripercorso gli step della candidatura italiana. “Nel tempo, il progetto della Federazione Italiana Golf ha acquisito sempre maggior forza e credibilità. Dopo le due visite ispettive della Commissione Ryder Cup a Roma presso il Marco Simone Golf & Country Club, sede di gioco prescelta dalla FIG, si guarda al futuro con fiducia e si lavora al completamento della documentazione del bid”.

 

Anticipazioni - A meno di due mesi dall’inizio del torneo è ancora presto per fare anticipazioni sul field, ma vi saranno comunque tutti i migliori giocatori italiani. Quanto agli stranieri, l’European Tour di suo assicura un rimarchevole tasso tecnico e non mancheranno tuttavia concorrenti di primo piano in grado di richiamare l’attenzione del pubblico.

L’Open si dipanerà sulla distanza di 72 buche. Il taglio dopo 36 promuoverà agli ultimi due giri i primi 65 classificati dei 156 partenti, i pari merito al 65° posto e i dilettanti che rientreranno nel punteggio di ammissione. Il montepremi è di 1.500.000 euro con prima moneta di 250.000 euro.

L’ingresso per gli spettatori sarà gratuito sia nei giorni di gara, Special Events compresi, che in quelli in cui si effettueranno la prova campo e la Rolex Pro-Am. Per agevolare il loro flusso sarà a disposizione un bus da Milano (San Babila/CorsoEuropa) con andata e ritorno per il circolo dal 17 al 20 settembre.

 

Un pool di sponsor prestigiosi – Il 72° Open d’Italia presented by Damiani avrà luogo durante Expo Milano 2015, che ha dato il patrocinio, e si avvarrà del supporto di altri sponsor prestigiosi, alcuni da tempo legati al progetto.

Major sponsor: Rolex, Regione Lombardia, Lavazza, Mercedes-Benz. Sponsor: Emirates, Colmar, Barclays. Fornitori ufficiali: Titleist, Konica Minolta, Peviani, SIA, Carlo Fiori, Maui Gym, DAB, Acqua San Pellegrino, Ca’ del Bosco. Sponsor Pro Am: Rolex. Charity partner: Comitato Maria Letizia Verga. Media partner: Sky Sport; RTL; il Gruppo Poligrafici Editoriale con QN Quotidiano Nazionale, Il Giorno, il Resto del Carlino, la Nazione e QS. Partner istituzionali: Federazione Italiana Golf, CONI, European Tour, Race to Dubai, Golf Club Milano, Consorzio Villa Reale e Parco di Monza, Comune di Monza, Autodromo Nazionale di Monza. Patrocinio: Expo Milano 2015.

 

Tra le aziende legate all’Open da più lunga data, Rolex sarà per la prima volta Title sponsor della Pro Am, dove competeranno 28 squadre composte da un professionista e da tre dilettanti. In tal modo si consolida ulteriormente un sodalizio ormai ultradecennale tra la manifestazione e la Rolex, che vanta una lunga tradizione nel golf.

Proseguirà, inoltre, la partnership con l’European Tour, che ha contribuito ad elevare sempre più nel tempo lo standard dell’avvenimento.

 

Non solo golf – Non sarà solo golf, ma proseguendo nella linea che distingue l’Open da tutti gli altri tornei nel calendario del circuito europeo, verrà posto l’accento sugli Special Events. Saranno numerosi e in grado di coinvolgere sempre di più gli appassionati e le loro famiglie, bambini compresi che saranno ospiti di U.S. Kids e di SNAG dove potranno imparare giocare a golf in appositi spazi dedicati.

Fulcro di tali attività e dei momenti di relax il Villaggio Commerciale e il Villaggio Ospitalità con le loro ampie aree. Il servizio di catering sarà a cura di “Da Vittorio”, ristorante di Bergamo, un marchio di eccellenza nel mondo della ristorazione e dell’accoglienza, Tre Stelle Michelin.

Attenzione particolare per le mogli e per le fidanzate dei giocatori, che saranno accompagnate per una visita a Expo Milano 2015. Naturalmente aperta anche ai protagonisti dell’Open che lo vorranno.

 

 

 

Il percorso – L’Open farà tappa al Golf Club Milano per la settima volta, a distanza di 25 anni dalla precedente. Sul campo sono stati effettuati dei lavori, compreso il rifacimento del green della buca 10, e da marzo è cominciata la preparazione per portarlo in condizioni ottimali a settembre.

Costruito all’interno del Parco di Monza, 685 ettari di bosco contenente circa 100.000 piante di essenze diverse, il tracciato si incunea tra gli alberi che delineano i contorni delle buche imponendo ai giocatori una grandissima precisione nell’eseguire i colpi.

Il percorso a tratti costeggia la pista dell’Autodromo che due settimane prima ospiterà il Gran Premio di Formula Uno. Tale vicinanza consentirà l’utilizzo di spazi, di pertinenza dell’Autodromo stesso, per ospitare le voluminose attrezzature dell’European Tour Production, e i parcheggi per il pubblico.

 

Internet – Le notizie e le informazioni relative al 72° Open d’Italia presented by Damiani sono on line sul sito www.openditaliagolf.com. Tutto l’Italian Pro Tour può essere seguito sul sito www.italianprotour.com