3
Giu

75° OPEN D’ITALIA: LE INTERVISTE DEL QUARTO GIRO

THORBJORN OLESEN

Quarto giro: 64 (-7). Totale: 262 (65 68 65 64, -22)

“E’ stata una settimana molto speciale e sicuramente questo successo rappresenta il momento più alto della mia carriera. Una vittoria nelle Rolex Series ovviamente mi proietta molto in avanti nella Race to Dubai e mi dà una grandissima spinta morale. Voglio fare i complimenti a Francesco Molinari che mi ha tenuto sotto pressione fino all’ultima buca. Quando ho saputo dal mio caddie del suo bogey alla buca 17 ho pensato solo a crearmi l’occasione da birdie per aumentare il vantaggio”.

FRANCESCO MOLINARI

Quarto giro: 65 (-6). Totale: 263 (66 66 66 65, -21)

“E’ stato un torneo davvero emozionante. Ce l’ho messa tutta per vincere, ma non ce l’ho fatta. Vanno fatti i complimenti a Olesen, è stato bravissimo e ha meritato la vittoria. Le motivazioni sono fondamentali per riuscire ad arrivare fino in fondo in una gara così bella e sono soddisfatto di aver messo pressione a Thorbjorn fino all’ultimo putt. Non potevo fare molto di più, sono stato paziente nelle prime nove e poi sono riuscito a giocare bene. Alla buca 17 sono stato aggressivo, potevo fare di più con il driver, ma magari se avessi segnato il par poi non sarebbe arrivato il birdie finale. Voglio ringraziare il pubblico che è venuto a vederci, credo che il putt della 18 ce lo ricorderemo tutti a lungo. Sto lavorando da soli tre mesi con Phil Kenyon sul putting, ma nel gioco corto sono migliorato già molto negli ultimi anni. Ora vedrò come proseguire la stagione, giocando sia sul tour europeo che sul PGA Tour negli USA. Dovrò valutare. Adesso mi prendo un paio di giorni di riposo in cui vedrò come sono posizionato nelle varie classifiche prima di iniziare a preparare l’US Open. Nel corso della stagione ho fatto grandi progressi, anche se non sempre sono stati confortati dai risultati”

MATTEO MANASSERO

Quarto giro: 72 (+1). Totale: 274 (66 68 68 72, -10)

“Ho avuto difficoltà nelle prime buche come in tutti questi giorni. Mi sono sempre lasciato dei putt abbastanza difficili e anche quando colpivo bene la pallina non entrava. Ogni volta che sono stato a rischio di perdere un colpo è inevitabilmente accaduto e mi sono ritrovato con un 4 sopra par per cui ho provato a limitare i danni con un buon gioco. Tutto sommato ho fatto un’ottima gara dopo due Open d’Italia così così e sono soddisfatto. Non considero negativo arrivare a metà classifica, perché è un torneo delle Rolex Series e quindi garantisce punti nella money list. Ora mi concentro nelle qualifiche per lo US Open. Disputare al Gardagolf un Open d’Italia e giocarmi il titolo nei primi giorni è sicuramente una casellina da segnare nella mia carriera. Spero ora di realizzare il sogno di vincere questa manifestazione”.

LORENZO GAGLI

Quarto giro: 66 (-5). Totale: 269 (68 69 66 66, -15)

“E’ stato un torneo fantastico. E’ stato bellissimo giocare davanti a tanto pubblico soprattutto nel round finale. Veramente una settimana speciale che mi ricorderò a lungo. Non sono partito bene poi ho eseguito alcuni colpi perfetti e si è acceso il putter. Ho giocato sempre bene dal tee e ritengo il risultato abbastanza giusto”.

– Siamo nelle Rolex Series, come ti trovi a giocare con questi campioni?

“Devo dire che mi sento più a mio agio in queste gare che in altre. Sono migliorato molto sotto tanti punti di vista e sono rimasto tranquillo tutta la settimana. Io ho giocato parecchio tempo sul Challenge Tour, dove i campi sono molto diversi e non premiano molto il tee shot. Sul circuito maggiore è tutto il contrario e il driver è stato la chiave dello score”.