Fahrbring e Bjerregaard al comando del 72° Open d’Italia presented by Damiani. Andrea Perrino sale al 7° posto

  • perrino 2

Due outsider, lo svedese Jens Fahrbring (67 64) e il danese Lucas Bjerregaard (66 65) sono al comando con 131 (-13) colpi dopo la seconda giornata del 72° Open d’Italia presented by Damiani  che si sta svolgendo sul percorso del Golf Club Milano (par 72), incastonato nello splendido Parco di Monza. Li seguono con 133 (-11) lo spagnolo Pedro Oriol, il francese Romain Wattel, il paraguaiano Fabrizio Zanotti e il belga Nicolas Colsaerts, leader dopo un giro.

Ha offerto un’ottima prestazione Andrea Perrino, settimo con 134 (67 67, -10), che ha la compagnia del tedesco Martin Kaymer, uno dei cinque major champions in gara, dell’austriaco Bernd Wiesberger, dello statunitense David Lipsky, dello scozzese Craig Lee e dello svedese Rikard Karlberg. E’ continuata anche la bella avventura del dilettante azzurro Stefano Mazzoli, campione europeo in carica, 16° con 136 (66 70, -8), mentre ha ceduto Francesco Molinari, da secondo a 25° con 137 (65 72, -7) insieme a Lorenzo Gagli (67 70) e all’altro ottimo amateur Lorenzo Scalise (71 66). Hanno superato il taglio, caduto a 140 (-4) e che ha lasciato in corsa 78 concorrenti, Edoardo Molinari, 48° con 139 (72 67, -5) e Marco Crespi, 63° con 140 (70 70, -4). Sono rimasti fuori, tra gli altri, Matteo Manassero, 79° con 141 (70 71, -3), Alessandro Tadini (71 71) e Andrea Pavan (69 73), 99.i cn 142 (-2), Renato Paratore, 138° con 147 (72 75, +3) e Costantino Rocca, all’ultimo Open della carriera, 153° con 152 (80 72, +8).

Degli altri giocatori più attesi, oltre a Kaymer, lo spagnolo Miguel Angel Jimenez e l’inglese Danny Willett sono 13.i con 135 (-9), lo statunitense Stewart Cink è 25° (137), il coreano Y.E. Yang 48° (139), il nordirlandese Darren Clarke e l’irlandese Padraig Harrington sono rimasti dentro con l’ultimo punteggio utile (63.i con 140).

 

Le interviste – Quanto mai felice Andrea Perrino: “Davvero fantastico. Sono ancora elettrizzato dalle ultime nove buche, che ho disputato sotto gli occhi di tantissimo pubblico, ma soprattutto delle telecamere della TV. Dal punto di vista emotivo, è stata un po’ dura: tante volte ho tirato giusto per limitare i danni, cercando di non fare errori. Ma è andata benone. Mi era già capitato una volta di essere così in alto: sono stato in vetta dopo due giri a St Omer, di certo non un evento importante come l’Open, non nel mio Paese. Ammetto però che in certe situazioni il bastone comincia a pesare”. Nel suo 67 (-5) sei bridie e un bogey.

Francesco Molinari ha  spiegato così i sette colpi di differenza tra i due giri: “La verità è che il golf non è una scienza esatta: se realizzi un “meno 7” oggi non necessariamente lo farai anche domani. Non sono riuscito a trovare il ritmo come era successo ieri, sono stato meno preciso: è stata una di quelle giornate in cui era complicato tutto, imbucare un putt, mettere  un drive in fairway o un ferro vicino alla buca. Ho cercato di restare calmo il più possibile, provandoci fino alla fine, ma non sono riuscito a dare una svolta. Mi è successo altre volte durante l’anno: sicuramente è qualcosa su cui devo migliorare, se voglio vincere più tornei. Ho bisogno di continuità nelle quattro giornate”. Nel suo score due birdie e un doppio bogey (72, par).

Martin Kaymer è salito in alta classifica, ma con qualche problema:  “Rispetto a ieri, ho giocato un po’ peggio, specie dal punto di vista dell’impatto con la pallina. Sono riuscito comunque a gestire bene i par 5, giocandoli in 5 colpi sotto il par. In più, ho concluso il giro con un birdie, che mi ha messo in un’ottima posizione per il weekend. Queste sono le tipiche giornate in cui devo essere soddisfatto, perché il mio punteggio è migliore rispetto alla qualità di gioco che ho offerto”. Per il tedesco (66, -6) un eagle, cinque birdie e un bogey.

Stefano Mazzoli sta facendo tirocinio in attesa di cambiare categoria: “E’ molto bello e gratificante vedere il mio nome tra così tanti campioni. Aldilà del posizionamento finale, considero molto formativa questa esperienza. Dei professionisti oltre alla qualità del gesto tecnico, mi ha impressionato la serenità che trasmettono in ogni fase della gara. Anche dopo un errore non si scompongono e restano concentrati”. La partenza non è stata brillante con due birdie e quattro bogey a metà tracciato, poi quattro birdie per il 70 (-2)

Edoardo Molinari, sebbene abbia effettuato un buon giro in 67 (-5), non è apparso soddisfatto: “Sto colpendo bene con i ferri, ma continuo a fare fatica dal tee. Tiro dei  buoni drive, poi all’improvviso la palla va a destra o a sinistra di 40 metri e quindi diventa difficile fare un buon punteggio No, la mano devo dire che va bene. Sinceramente mi è difficile capirne il motivo perchè dopo sei o sette buche perfette ne arrivano due o tre in cui il bogey è già un miracolo”.

Matteo Manassero, out al taglio, ha comunque trovato aspetti positivi:Mi sono espresso abbastanza bene, forse un

po’ meglio ieri, ma anche oggi mi sono dato tante opportunità di birdie che nelle prime nove buche non sono riuscito a convertire, mentre nelle seconde invece ho imbucato qualcosa di più, però alla fine un paio di putt non sono entrati. Comunque posso prendere del buono da questi due giorni. Ho giocato bene, ho sbagliato poco”

 

Rocca day – E’ stato l’ultimo Open di Costantino Rocca che, alla fine, ha ricevuto una autentica ovazione e naturalemnte si è molto emozionato, sul campo e nel corso delle interviste. “Non immaginavo una cosa del genere. Ho visto tanti miei amici sul campo e questo mi ha fatto molto piacere. Però non mi attendevo questa bellissima accoglienza. E’ stato emozionante e auguro ai miei colleghi di poter avere questo. Ho disputato trenta Open, sono andato vicino alla vittoria che non è mai arrivata. Comunque ho partecipato a tre Ryder Cup, ho conquistato cinque titoli nell’European Tour con un PGA Championship e pertanto giungere terzi all’Open d’Italia lo prendo tra i buoni risultati”. Poi ha aggiunto: “E non ho nessun rimpianto, perché io l’Open d’Italia l’ho vinto oggi”.

 

Ryder Cup 2022 – La Federazione Italiana Golf e il Comitato Organizzatore hanno operato con la consueta meticolosità, curando con attenzione quasi maniacale ogni minimo dettaglio, per presentare una manifestazione impeccabile sotto ogni punto di vista come è nella tradizione.

Peraltro quest’anno l’Open anticiperà di qualche settimana la decisione della Ryder Cup Europe, che dovrà scegliere la nazione organizzatrice della Ryder Cup 2022, dove l’Italia è in corsa per l’assegnazione insieme ad Austria, Germania e Spagna. Svolgendosi durante Expo Milano 2015, che ha dato il patrocinio, l’evento è certamente destinato ad avere un impatto sul pubblico e mediatico rilevante.

 

Ancora successo di pubblico: 9.500 le presenze – Sono stati circa 9.500 gli spettatori che hanno presenziato al secondo giro del 72° Open d’Italia presented by Damiani, un record storico per un venerdì. Hanno contribuito la scelta della Federazione Italiana Golf, con l’ingresso gratuito, la posizione in classifica di Francesco Molinari, la bella giornata di sole e non ultimo lo spettacolo che stanno offrendo tutti i giocatori di un cast di assoluta qualità. In totale nelle prime due giornate le presenze sono state 17.000 (7.500 nella giornata iniziale).

Per agevolare il flusso del pubblico è a disposizione fino a domenica 20 settembre un servizio navette dal centro di Milano al Golf Club Milano con andata e ritorno da San Babila/Corso Europa e da Piazza Castello/Via Baretta.

 

Gli sponsor – L’Open si avvale del supporto di un pool di importanti aziende, alcune da anni legate all’avvenimento.

Presenting sponsor: Damiani. Major sponsor: Regione Lombardia, Rolex, Lavazza, Mercedes-Benz. Sponsor: Emirates, Colmar, Barclays. Fornitori ufficiali: Lyoness, Titleist, Konica Minolta, Peviani, SIA, PIC Solution, Carlo Fiori, Maui Jim, DAB, Acqua Panna/Acqua San Pellegrino, Ca’ del Bosco. Title sponsor Pro Am: Rolex.

Charity partner: Comitato Maria Letizia Verga. Media partner: Il Gruppo Poligrafici Editoriale con QN Quotidiano Nazionale, Il Giorno, il Resto del Carlino, la Nazione e QS; Sky Sport; RTL; EURid.

Partner istituzionali: Federazione Italiana Golf, CONI, European Tour, Race to Dubai, Golf Club Milano, Consorzio Villa Reale e Parco di Monza, Comune di Monza, Autodromo Nazionale di Monza. Patrocinio: Expo Milano 2015.

Qualificante e significativo l’intervento della Regione Lombardia, che ha compreso pienamente come il golf sia divenuto un veicolo promozionale di grande efficacia per il territorio. E l’Open è un’opportunità imperdibile, perché attraverso i grandi network televisivi approderà in tutto il mondo, entrando in milioni di case e divenendo il più valido messaggero di un’Italia all’avanguardia per l’organizzazione, per il livello tecnico dell’evento e per le strutture che lo ospitano. Continuerà la ultradecennale partnership tra l’European Tour e il Comitato Organizzatore FIG, una collaborazione che ha elevato sempre più nel tempo la caratura della manifestazione.

 

Solidarietà – Nello stand del Comitato Maria Letizia Verga, Matteo Manassero ha effettuato alcuni putt nel ricordo di Teodoro Soldati, il giovanissimo azzurro recentemente scomparso, poi si è intrattenuto con dei bambini e infine ha richiamato l’attenzione su un’asta benefica il cui ricavato verrà devoluto al Comitato stesso per favorire la ricerca nella lotta alle leucemie infantili. Fino al 27 settembre è attiva su ebay l’asta organizzata dalla famiglia di Teodoro con oggetti acquistabili di Matteo Manassero, Francesco ed Edoardo Molinari e di Teodoro Soldati.

Special Events – Altra giornata, domani sabato 19 settembre, di appuntamenti fuori dai fairway. Alle 10,30 nella sala stampa vi sarà la presentazione del EMC Challenge Open, il torneo del Challenge Tour che si terrà all’Olgiata Golf Club dal 1 al 4 ottobre. Alle ore 12, nello spazio ospitalità dell’Istituto Credito Sportivo si svolgerà la premiazione “Impegnati nel verde”, riconoscimento ambientale a ben 13 circoli. Quindi alle ore 14,30 l’ultimo degli Special Events, che hanno avuto tanto successo, con “Questions & Answers con i campioni” al Villaggio Commerciale.

Anche la seconda giornata è stata molto intensa. Nella tenda dell’Istituto Credito Sportivo sono stati presentati il Progetto BioGolf e il Fondo di garanzia per l’impiantistica sportiva, due iniziative che mirano a sostenere e far sviluppare nuovi campi da gioco nel massimo rispetto dell’ambiente nella piena sostenibilità economica.

Molto seguito “Questions & Answers con i campioni” condotto da Silvio Grappasonni, ex giocatore e commentatore di Sky, e con il pubblico che ha interagito con Edoardo Molinari e con l’inglese Matthew Fitzpatrick, entrambi vincitori di un US Amateur, un major per dilettanti, e con Stefano Mazzoli. Nella tenda Mercedes, l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti ha assegnato l’annuale “Pallina d’Oro” a Niccoló Nesti, arbitro internazionale dell’European Tour. Infine per la gioia soprattutto dei giovanissimi il “Matteo e Renato Contest by Rolex” con un show dei due campioni azzurri.

 

Buca in uno – Nessun giocatore è riuscito a centrare con un solo colpo dal tee la buca 10 (par 3, metri 202), dove è in palio una splendida Mercedes GLC 220 D. I concorrenti hanno comunque ancora due giri a disposizione per conquistarla.

 

Il percorso – Il Golf Club Milano ospita per la settima volta l’Open a distanza di 25 anni dalla precedente quando nel 1990 l’inglese Richard Boxall ottenne il suo unico successo nell’European Tour superando lo spagnolo José Maria Olazabal, che all’epoca era al culmine della carriera. Il percorso, nato nel 1928, si estende all’interno del Parco di Monza – 685 ettari di bosco contenente circa 100.000 piante di essenze diverse – totalmente immerso nella natura, in uno scenario suggestivo e di estrema bellezza. Il tracciato si incunea tra gli alberi che delineano i contorni delle buche imponendo ai giocatori una grandissima precisione nell’eseguire i colpi. Recentemente il layout è stato aggiornato e allungato per adeguarlo alle esigenze del golf contemporaneo e, per l’Open, sono stati effettuati ulteriori lavori compreso il rifacimento del green della buca 10.

Il percorso a tratti costeggia la pista dell’Autodromo. Tale vicinanza ha consentito l’utilizzo di spazi, di pertinenza dell’Autodromo stesso, per ospitare le voluminose attrezzature dell’European Tour Production e i parcheggi per il pubblico.

 

Il torneo in diretta su Sky – Sky teletrasmette in diretta, in esclusiva e in alta definizione il 72° Open d’Italia presented by Damiani con collegamenti ai seguenti orari: sabato 19 settembre, dalle ore 13 alle ore 17 (Sky Sport 3 HD); domenica 20, dalle ore 13,30 alle ore 18 (Sky Sport 3 HD). Commento di Silvio Grappasonni, Nicola Pomponi, Roberto Zappa, Massimo Scarpa e di Donato Di Ponziano. Tutte le dirette sono anticipate e seguite da “Studio Golf” della durata di trenta minuti condotto da Francesca Piantanida.

 

Live blog European Tour per l’Open – Durante il 72° Open d’Italia presented by Damiani nella home page del sito dell’European Tour (www.europeantour.com) è attivo il live blog interamente in italiano. Notizie, foto, video, statistiche e curiosità arricchiranno ulteriormente l’esperienza degli utenti web, a vantaggio del prestigio e dell’impatto mediatico del torneo.

Web e social network – Le notizie e le informazioni relative al 72° Open d’Italia presented by Damiani sono on line sul sito www.openditaliagolf.eu. Le news, le foto e i video della manifestazione sono consultabili anche dagli account ufficiali facebook, twitter e instagram. Tutto l’Italian Pro Tour può essere seguito sul sitowww.italianprotour.com